Unione PianDelBruscolo

Palestre

Definizione

Sono soggette alla presente disciplina le strutture ove sono organizzate e gestite le attività ginniche, di muscolazione e di formazione fisica di cui alla 

LEGGE REGIONALE 02 aprile 2012, n. 5 -Disposizioni regionali in materia di sport e tempo libero -( B.U. 12 aprile 2012, n. 35 )

REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2013, n. 4 -Disposizioni di attuazione della Legge Regionale 2 Aprile 2012, n. 5 (disposizioni regionali in materia di sport -e tempo libero), ( B.U. 05 settembre 2013, n. 70 ) 

 Il Regolamento disciplina in particolare:
a) le modalità di svolgimento dell’attività informativa e di monitoraggio di cui all’articolo 9, L.R. 02 aprile 2012, n. 5;

b) i criteri e le modalità di concessione della fidejussione regionale indicata all’articolo 15 L.R. 02 aprile 2012, n. 5;

c) i requisiti tecnici, igienico-sanitari e di sicurezza degli impianti e delle attrezzature di cui all’articolo 16 L.R. 02 aprile 2012, n. 5, e ogni altra disposizione necessaria a dare applicazione alle norme di cui al Capo VI con particolare riferimento a:

1) vigilanza sulle attività e controllo degli impianti e delle attrezzature;

2) termini e modalità di adeguamento degli impianti esistenti ai requisiti previsti dal regolamento medesimo;

3) livello di qualificazione professionale degli operatori e dei dirigenti;

d) le modalità con cui i gestori di impianti sportivi consentono l’uso degli stessi da parte di associazioni e società sportive, nonché di gruppi sportivi scolastici e aziendali operanti nella Regione.

e) i criteri, le modalità e i requisiti minimi per la partecipazione ai bandi per l'affidamento in gestione degli impianti sportivi, ai sensi dell'articolo 19, comma 5, della L.R. 02 aprile 2012, n. 5. finalizzate al raggiungimento del benessere psico fisico degli utenti.

2. Il regolamento assicura altresì che i contributi previsti dalla presente legge siano erogati a enti e società sportive che hanno adeguato i loro regolamenti alle disposizioni di cui all’articolo 6 della legge 376/2002.        

L'Unione dei Comuni Pian del Bruscolo - SUAP Attività Ecvonomiche è competente  per l'apertura e l’esercizio dell’attività nei comuni aderenti.

NORME DI RIFERIMENTO:

LEGGE REGIONALE 02 aprile 2012, n. 5 -Disposizioni regionali in materia di sport e tempo libero -( B.U. 12 aprile 2012, n. 35 )

REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2013, n. 4 -Disposizioni di attuazione della Legge Regionale 2 Aprile 2012, n. 5 (disposizioni regionali in materia di sport -e tempo libero), ( B.U. 05 settembre 2013, n. 70 )

 

 

PROCEDIMENTO: MODALITÀ PER L'APERTURA E L'ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI

L’art. 12 REG. REG. 07 agosto 2013, n. 4  contiene la Modalità per l'apertura e l'esercizio degli impianti che devono rispettare i Requisiti tecnici, igienico-sanitari e di sicurezza,  la superficie e capienza, l’ubicazione degli impianti,  la tipologia delle strutture, finiture, arredi e segnaletica dettate nel suddetto regolamento.

L'APERTURA E L'ESERCIZIO DI UN IMPIANTO sono subordinati alla presentazione, da parte del titolare, della  segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) di cui all'articolo 16, comma 2, della l.r. 5/2012 al Comune competente per territorio, tramite lo sportello unico per le attività produttive (SUAP).

NELLA SCIA SONO INDICATI:

a) la cittadinanza, le altre generalità e i dati fiscali del richiedente;

b) la denominazione e l'indirizzo dell'impianto che si intende attivare;

c) l'indicazione della capienza e delle attività svolte;

d) l'indicazione del numero e della superficie delle sale o spazi attrezzati per lo svolgimento dell'attività motoria;

e) le generalità e i titoli professionali del direttore tecnico e del responsabile sanitario.

1. Alla SCIA è allegata la seguente documentazione (OBBLIGATORIA):

a) copia di polizza assicurativa di responsabilità civile e professionale verso terzi;

b) planimetria generale, piante e sezioni con l'indicazione dell'ubicazione dell'impianto e della destinazione di ciascun locale;

c) dichiarazione di conformità alla normativa vigente degli impianti tecnologici, in particolare termici, elettrici e dell'aria;

d) relazione tecnica descrittiva, redatta da un professionista abilitato, dalla quale risulti la conformità dell'impianto ai requisiti previsti dal presente regolamento, nonché il calcolo della capienza secondo quanto previsto dall'articolo 6, comma 2, Regolamento 07 agosto 2013, n. 4;

e) certificato di idoneità statica relativo alle strutture portanti, riferito alle attività previste nell'impianto, redatto da tecnico abilitato;

f) valutazione di impatto acustico, da cui risulti il rispetto delle disposizioni statali e regionali in materia di

inquinamento acustico;

g) parere dell'autorità sanitaria di vigilanza in merito ai requisiti igienici degli ambienti;

h) dichiarazione di accettazione dell'incarico da parte del direttore tecnico.

2. Ogni modifica dei requisiti dell'impianto deve essere tempestivamente comunicata al Comune a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento o posta certificata.

3. La SCIA deve essere affissa in maniere visibile nella zona di accesso all'impianto.

Servizio Attività Economiche e Polizia Amministrativa

Orari di apertura al pubblico:

lunedì e mercoledì   dalle 09.00 alle 12.00

il giovedì pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00

e-mail

 
© 2005-2022 Unione PianDelBruscolo - Gestito con docweb - [id]