Unione PianDelBruscolo

Somministrazione in circoli privati

                    

                  VEDI  APPOSITA SCHEDA - CON NORMATIVA DI RIFERIMENTO  nella sezione varie

 SEZIONE   Home > Servizio Attività Economiche > VARIE> Circoli privati

 

 

Attività di somministrazione di alimenti e bevande a favore dei propri associati da effettuarsi all’interno di circolo aderente a ente/organizzazione nazionale avente finalità assistenziali (art.2 c.1 del D.P.R. 04/04/2001, n.235).

 

IN CASO DI GESTIONE DIRETTA: Segnalazione Certificata D’inizio Attività (SCIA) correttamente compilata in tutte le sue parti e con tutti gli allegati obbligatori, + Notifica Inizio Attività alimentate (NIA sanitaria), completa dei suoi allegati CHE L’UFFICIO SUAP inoltrerà alla A.S.U.R. competente.(1)

 

 

LA SCIA DEVE CONTENERE:

 

LA DICHIARAZIONE

·  che l’attività del circolo viene effettuata nei confronti ed a vantaggio dei soli soci;

·  ­non è prevista l’entrata del pubblico indistinto, e non è previsto il pagamento di un biglietto di ingresso in aggiunta alla quota associativa;

·  che non saranno pubblicizzati gli spettacoli od i trattenimenti effettuati nei confronti dei soci, attraverso manifesti, giornali, mass media, etc.;

·  che la qualifica di socio è acquisita precedentemente all’entrata nel circolo;

·  che la somministrazione di alimenti e bevande è riservata ai soli soci;

·    di rispettare le condizioni di conformità dei locali ai criteri di sorvegliabilità stabiliti nel D.M. 17/12/1992, n.564;

che l’attività di somministrazione è gestita direttamente;

 

IL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE PRESENTA LA SCIA E COLUI CHE SARÀ ADDETTO ALLA SOMMINISTRAZIONE DEVE ALTRESI’ DICHIARARE

·         di possedere i requisiti morali previsti dall’art.61 della L.R. 27/2009 e s.m.i.;

·       CHE ai sensi del disposto degli artt.11 e 12 TULPS, R.D. 18.6.1931 n.773, dichiara:

- di non aver riportato alcuna condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo o comunque di aver ottenuto la riabilitazione;

-  di non essere sottoposto a sorveglianza speciale o a misura di sicurezza personale; di non essere stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza;

-  di  non aver riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l’ordine pubblico, ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, o per violenza o resistenza all’autorità;

-  di aver ottemperato all’obbligo di istruzione elementare dei figli o di non avere prole

·       CHE inoltre ai sensi dell’art.92 del TULPS, R.D. 18.6.1931 n.773, dichiara:

di non essere stato condannato per reati contro la moralità pubblica e il buon costume, o contro la sanità pubblica o per gioco d’azzardo, o per delitti commessi in stato di ubriachezza o per contravvenzioni concernenti la prevenzione dell’alcoolismo, o per infrazioni alla legge sul lotto o per abuso di sostanze stupefacenti

.

ALLEGA:

-          copia semplice, non autenticata, dello statuto

-          documentazione relativa al contenimento delle emissioni sonore ed all’inquinamento acustico in base alla zonizzazione acustica,        a firma del tecnico abilitato competente in acustica ambientale in cui si attesta il rispetto dei requisiti di protezione acustica in relazione alla zonizzazione acustica di riferimento ( legge n. 447/1995);

-          Notifica sanitaria, prevista per le imprese

 alimentari (NIA), completa dei suoi allegati CHE L’UFFICIO SUAP inoltrerà alla A.S.U.R. competente.

 

 

NOTA (1)

dal 1° aprile 2014

Registrazione degli stabilimenti del settore alimentare post-primario (Notifica Inizio Attività): approvate nuove disposizioni regionali

Come indicato nel nuovo Decreto del Dirigente del P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare N.156 del 25/11/2013 – “Registrazione degli stabilimenti del settore alimentare post primario ai sensi del Reg. CE 852/04 e della DGRM n. 2232 del 28 dicembre 2009; modifica delle procedure”, entrato in vigore con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Marche - BUR n. 7 del 16.01.2014, l’Operatore del Settore Alimentare – OSA, in caso di:

nuova attività di produzione, trasformazione, confezionamento, deposito, trasporto, somministrazione, distribuzione o vendita di prodotti alimentari;

 
© 2005-2022 Unione PianDelBruscolo - Gestito con docweb - [id]