Unione PianDelBruscolo

Commercio su aree pubbliche

posteggi isolati

[Download] Allegato C

Allegato al Piano commercio su aree pubbliche, individuazione piazzole isolate

SCIA PER COMMERCIO ITINERANTE

Art. 42  L.R. 27/2009 (Autorizzazione all’esercizio dell’attività in forma itinerante)

1. L’esercizio dell’attività di vendita su aree pubbliche in forma itinerante è soggetto alla presentazione della SCIA al Comune o al SUAP* competente per il territorio nel quale l’esercente intende avviare l’attività. I Comuni devono inviare alla Regione le SCIA presentate.

2. La SCIA di cui al comma 1 abilita l’operatore anche:
a) alla vendita al domicilio del consumatore, nonché nei locali ove questi si trova per motivi di lavoro, di studio, di cura, di intrattenimento o svago;
b) all’esercizio dell’attività nelle aree dove la tipologia di vendita non è espressamente vietata;
c) alla partecipazione ai mercati e alle fiere.

3. La SCIA contiene le seguenti dichiarazioni:
a) i dati anagrafici e il codice fiscale e, nel caso di società di persone, la ragione sociale;
b) il possesso dei requisiti di cui agli articoli 8 e 9;
c) il settore o i settori merceologici.

4. Alla SCIA è allegata dichiarazione sostitutiva di non possedere altre autorizzazioni o aver presentato altra SCIA per l’esercizio di attività in forma itinerante.

5. Uno stesso soggetto non può presentare più di una SCIA. Il divieto non si applica a chi subentra nell’attività di aziende già operanti.

6. Una società di persone può presentare tante SCIA quanti sono i soci, nel rispetto dei requisiti morali e professionali di cui agli articoli 8 e 9. Tali soggetti devono essere nominativamente indicati.

7. L’attività di vendita itinerante può essere effettuata con mezzi motorizzati o altro, in qualunque area pubblica non espressamente interdetta dal Comune, per il tempo strettamente necessario a servire il consumatore, senza esposizione della merce su banchi fissi. La sosta nello stesso spazio è permessa fino a un’ora, trascorsa la quale l’operatore commerciale è tenuto a spostarsi di almeno cinquecento metri e non può rioccupare la stessa area nell’arco della giornata. La sosta nei posteggi isolati è effettuata nei tempi e nei modi previsti dal regolamento comunale.

 9. Il Comune, con il regolamento di cui all’articolo 35, individua le zone interdette al commercio itinerante. E’ fatto divieto di interdire al commercio itinerante l’intero territorio comunale. Il commercio itinerante è vietato nell’ambito delle aree adiacenti lo svolgimento del mercato o della fiera, intendendosi come aree adiacenti quelle poste ad una distanza inferiore a un chilometro o ad altra distanza eventualmente prevista dal medesimo Comune.

 

Nota relativa all'articolo 42:Così modificato dall'art. 24, l.r. 15 novembre 2010, n. 16; dall'art. 33, l.r. 31 ottobre 2011, n. 20; dall’art. 29, l.r. 17 novembre 2014, n. 29, e dall'art. 5, l.r. 30 dicembre 2014, n. 36.Ai sensi del comma 2 dell'art. 50, l.r. 17 novembre 2014, n. 29, il divieto di cui al comma 5 di questo articolo, come sostituito dall’art. 29 della citata legge, non si applica a coloro che sono titolari di più autorizzazioni o hanno presentato altre SCIA alla data di entrata in vigore di questa legge.[*] nel caso di specie la SCIA COSTITUISCE PRATICA da attivare OBBLIGATORIAMENTE mediante COMUNICA STAR-WEB procedimento semplificato C.C.I.A.A -

Modelli regionali aree pubbliche

I MODELLI REGIONALI SONO DISPONIBILI SUL SITO

http://impresa.regione.marche.it/SportelloUnicoAttivitaProduttiveSUAP/Modulistica.aspx

SportelloUnicoAttivitaProduttiveSUAP/Modulistica.aspx

scarica modulistica

SI RICORDA CHE LE ISTANZE DEVONO ESSERE PRESENTATE SEGUENDO LA GUIDA PUBBLICATA NELLA SEZIONE MODALITA' DI INOLTRO PRATICHE E CHE LE SUDDETTE DEVONO PERVENIRE ESCLUSIVAMENTE IN MODALITA' TELEMATICA:

DOMANDE NUOVO RILASCIO E COMUNICAZIONI VARIAZIONI TRAMITE IL SITO DEL SUAPsuapassociatopesarese@emarche.it

LE SCIA DI SUBINGRESSO DEVONO ESSERE INOLTRATE  ESCLUSIVAMENTE TRAMITE C.C.I.A.A. E COMUNICA

LE ALTRE SCIA A SECONDA DEL CASO (MODIFICHE FORMALI O SOSTANZIALI)

Riferimenti Normativi

Legge Regionale n.27 del 10 novembre 2009"Testo Unico in Materia di Commercio", pubblicata nel B.U.R. Marche n.106 del 13/11/2009;

Regolamento regionale  27 giugno 2011, n. 4 "Disciplina del Commercio su aree pubbliche in attuazione del Titolo II, Capo II, della Legge regionale 10 novembre 2009, n. 27 (Testo unico in materia di commercio)",  pubblicato nel B.U.R. Marche 07 luglio 2011, n. 58

Vai al sito regionale

DAL 29/03/2011 MODIFICA PROCEDURE INOLTRO ISTANZE ATTIVITA' ECONOMICHE - D.P.R. 160/2010

 
 AVVISO AGLI UTENTI

Si informano gli utenti che a decorrere dal 29 marzo 2011, a norma del D.P.R.160/2010, la presentazione delle SCIA e delle comunicazioni  relative a tutte le tipologie di attività di impresa e di impianti produttivi di beni e servizi dovrà avvenire obbligatoriamente in forma "esclusivamente telematica" al Suap o tramite STARWEB CCIAA NEI CASI DI SCIA CONTESTUALE A COMUNICAZIONE UNICA (1). Il Comune /Unione pertanto non potrà più accettare la presentazione di tali pratiche in forma cartacea. A decorrere dal 1 ottobre 2011, a norma del D.P.R.160/2010, anche tutte le altre pratiche inerenti gli impianti produttivi e le attività di impresa dovranno obbligatoriamente essere presentate in forma esclusivamente telematica utilizzando gli specifici moduli di richiesta dei singoli procedimenti di competenza dei diversi uffici ed Enti.

Dovranno essere presentate al Suap/Unione Pian del Bruscolo solo in modalità telematica.

 

MODALITA' DI INOLTRO DELLE ISTANZE  è possibile presentare documenti, firmati digitalmente, allo Sportello Unico per le Attività Produttive mediante Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) SUAP ASSOCIATO: suapassociatopesarese@emarche.it

ulteriori indicazioni sul sito suapassociato:  http://www.pesarosviluppo.it 
  Pertanto:

l'utente dovrà dotarsi di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata e di una smart card o un token USB (chiavetta) per firmare digitalmente i documenti al fine di garantire, rispettivamente, la propria identificazione e l'autenticità della documentazione che viene inviata;
- i documenti (istanze, elaborati grafici, comunicazioni, etc.) dovranno avere il formato PDF/A (informazioni per generare un documento in formato PDF/A vai sul sito http://www.pesarosviluppo.it ) e NON potranno essere inviate più istanze o comunicazioni con una singola P.E.C. (es. una SCIA e la richiesta di Titolo Unico o 2 SCIA o 1 SCIA e una comunicazione di inizio lavori, etc.).

(1) SCIA contestuale alla Comunicazione Unica

Ogni qualvolta la SCIA è utilizzata per segnalare l'inizio di un’attività d'impresa (comprese nuove unità locali, aggiunta di rami d’azienda, etc…) deve essere obbligatoriamente presentata al Registro delle Imprese mediante una Comunicazione Unica (la parte relativa all'istanza SUAP sarà automaticamente inoltrata al competente ufficio dalla CCIAA )- LA DOCUMENTAZIONE ALLEGATA DOVRA' IN OGNI CASO ESSERE CONFORME ALLE REGOLE TECNICHE DEL DPR 160/2010 come  indicato dalla guida sotto riportata.

 
© 2005-2022 Unione PianDelBruscolo - Gestito con docweb - [id]